EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish
Powered by Google TraduttoreTraduttore
02/08/2021
Dr. Robert Malone: critiche ai vaccini Covid19 dall' inventore delle tecnologie vaccinali mRNA
Silvia Pedrazzini Silvia Pedrazzini

Intervista e descrizione a cura di MITTDOLCINO

Il Dottor Robert Malone, l’inventore dei vaccini mRNA ci ha rilasciato un’intervista. Consideriamo la sua testimonianza estremamente importante.

In realtà questa intervista è molto simile a una lezione di virologia. Il Dottor Malone ha approfondito il discorso inerente ai vaccini, alla proteina Spike e ai possibili eventi avversi che possono essere scatenati da tale vaccinazione.

La sua riflessione è andata al di là del mero approccio teorico. In chiusura il Dottor Malone dice chiaramente che ognuno di noi è libero di decidere del suo corpo. E lo Stato non deve assolutamente entrare nella vita privata dei cittadini e indirizzarne le scelte.

Perché ho deciso di intervistare il Dottor Malone? Partendo dal presupposto che “so di non sapere”, oggi completamente obnubilato da un coacervo di savonarola e soloni, ho voluto fare due chiacchiere direttamente con l’inventore della tecnologia dei vaccini mRNA.

Tutti parlano di questi vaccini, tanto che la stessa proteina Spike è diventata una celebrità (aveva ragione il buon vecchio Andy Warhol quando diceva che ognuno avrebbe avuto quindici minuti di celebrità – non sono sicuro però che potesse immaginare che una proteina assurgesse alle vette inarrivabili dello star system), c’è chi li elogia e chi li condanna.

So bene cosa pensare di questa situazione, ma non voglio che il mio giudizio pregiudichi la mia comprensione.

Quindi ho voluto chiedere direttamente all’ideatore della tecnologia dei vaccini mRNA. Un po’ come andare direttamente dall’allevatore a comprare la carne.

Sicuramente ne saprà di più del semplice commesso del supermercato, che spesso non c’è nemmeno, o di un’etichetta silente che indica peso, prezzo e tipologia di carne.

Che cosa voglio dire? Che se voglio avere informazioni adeguate, devo avvicinarmi alla fonte da dove queste informazioni scaturiscono.

Perché devo chiedere alla televisione la natura e l’origine dei vaccini, quando, forse con un colpo di fortuna o forse no, posso parlare direttamente con colui che ha inventato la tecnologia dei vaccini mRNA?

Meno filtri avrò, più l’informazione sarà pura. Poi sarà l’ascoltatore, il lettore a giudicare quello che viene detto o scritto. In un mondo filtrato e rifiltrato, dove ognuno ripete quello che sente dire dal prossimo, nella speranza di riceverne dei benefici, noi abbiamo scelto un’altra strada.

A noi non interessano quei benefici. Noi vogliamo dare un’informazione adeguata, onesta e obiettiva.

Potremo sbagliare? Sì. E allora ci perdonerete. Ma se lo avremo fatto, sarà stato in buona fede e nell’interesse della cittadinanza.

Continuo a ripeterlo, perché per noi è importante. Noi stiamo lavorando intensamente per riuscire a creare un network di esperti a livello nazionale e internazionale che attraverso un’analisi lucida e onesta del mondo che viviamo possa non solo prevedere possibili scenari futuribili, ma anche contrastare questo blob amorfo che tutto vuole e tutto fagocita.

Pensiamo che il primo punto per ricostruire il Paese, quando le macerie di questa emergenza infinta saranno davanti ai nostri occhi, sia quello di offrire un polo di comunicazione autorevole e obiettivo, scevro da pregiudizi di ordine politico o economico.


  • VIA
  • Silvia Pedrazzini



LEAVE A COMMENT

Facebook Conversations

FOLLOW US