EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish
Powered by Google TraduttoreTraduttore
08/09/2021
Imporre il vaccino ai dipendenti pubblici è incostituzionale: ordinanza del procuratore generale dell'Arizona
Silvia Pedrazzini Silvia Pedrazzini

L'imposizione del  vaccino contro il COVID-19  per i dipendenti pubblici , emessa dal governo di Tucson, è stata ritenuta incostituzionale dall' Ufficio del procuratore generale dell'Arizona Mark Brnovich. 


L' Ufficio del procuratore generale dell'Arizona Mark Brnovich ha notificato ufficialmente alla città di Tucson che la sua ordinanza sull'imposizione del  vaccino contro il  COVID-19 ai dipendenti pubblici  vìola la legge statale e deve essere annullata o modificata. 
Inoltre se  la città di Tucson non rescinde la sua politica entro i prossimi 30 giorni, l' Ufficio del procuratore generale informerà il tesoriere dell'Arizona che tratterrà la parte delle entrate statali condivise dalla città fino a quando non sarà conforme.
Il procuratore generale ritiene che la città di Tucson potrebbe sottoporsi a potenziali richieste di risarcimento se dovesse intraprendere  azioni negative contro un dipendente che si affida all'EO 2021-18 e alla legge statale per rifiutare il vaccino.
Il procuratore generale Mark Brnovich dichiara "Il mandato del vaccino di Tucson è illegale e la città potrebbe essere ritenuta responsabile per aver tentato di costringere i dipendenti a prenderlo contro le loro convinzioniLe vaccinazioni COVID-19 dovrebbero essere una scelta, non un mandato del governo”.
Dal comunicato del procuratore generale si evince infatti che "L'intento del legislatore era chiaro quando ha approvato SB 1824 all'inizio di quest'anno: le entità governative dal livello locale a quello statale non possono imporre vaccini COVID-19.
 La città di Tucson potrebbe sottoporsi a potenziali reclami di responsabilità se doveva intraprendere un'azione avversa contro un dipendente che fa affidamento sulla legge statale o un ordine esecutivo emesso dal governatore Doug Ducey (R-Ariz.) per rifiutare il vaccino.  
Tucson ha 30 giorni per revocare o modificare l'ordinanza, altrimenti l'ufficio del procuratore generale notificherà al tesoriere dell'Arizona di trattenere i fondi dalla città, che si trova nella contea di Pima".

 





LEAVE A COMMENT

Facebook Conversations

FOLLOW US