EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish
Powered by Google TraduttoreTraduttore
29/07/2021
Pfizer e Moderna : linfoadenopatia correlata alla vaccinazione COVID-19
Silvia Pedrazzini Silvia Pedrazzini

La linfoadenopatia indotta dal vaccino è un importante effetto collaterale di cui  medici, pazienti e  ricercatori devono essere assolutamente consapevoli. Tre studi dimostrano le correlazioni tra linfoadenopatia e vaccinazione Covid-19 Pfizer-BioNTech e Moderna  e raccomandano lo screening dell'imaging mammario da 4 a 6 settimane dopo la seconda dose di vaccinazione COVID-19.


L'adenopatia associata alla vaccinazione è un frequente effetto collaterale dopo la somministrazione di vaccini COVID-19 Pfizer-BioNTech e Moderna.
L'autovalutazione +di gonfiore ascellare da parte dei pazienti in seguito della vaccinazione COVID-19 è stata riportata fino al 16%.
Tre studi di cui due della  Radiological Society of North America ed uno pubblicato a luglio su JAMA Oncology, dimostrano non solo che la  linfoadenopatia indotta dal vaccino contro il Covid-19 è un importante effetto collaterale di cui  medici,  ricercatori e pazienti devono essere consapevoli , ma anche che Pfizer-BioNTech e Moderna hanno entrambi tassi elevatissimi di casi di effetti collaterali relativi ad adenopatia .
Dallo studio pubblicato dalla Radiological Society of North America dei ricercatori  Wendy Tu, David S. Gierada e Bonnie N. Joe, si evince che "La linfoadenopatia indotta dal vaccino può presentarsi come un dilemma diagnostico per i radiologi. Sono necessarie linee guida di imaging in evoluzione per affrontare le strategie di gestione della linfoadenopatia indotta dal vaccino sia nella popolazione generale che nei pazienti oncologici ad alto rischio".
Lo studio fa anche riferimento a numerosi altri studi sul caso "A marzo 2021, sono stati pubblicati almeno 20 articoli che illustrano o discutono la linfoadenopatia correlata al vaccino COVID-19, con 18 di questi articoli pubblicati su riviste di imaging. Le prime pubblicazioni si sono verificate nel campo dell'imaging mammario, dove la linfoadenopatia indotta dal vaccino è stata citata come causa di linfoadenopatia ascellare unilaterale. Altre sottospecialità di imaging che citano questo effetto collaterale includevano nove articoli di medicina nucleare e un articolo di imaging cardiotoracico".
Nel secondo studio pubblicato dalla Radiological Society of North America, si evince che "L'adenopatia associata alla vaccinazione è un frequente riscontro di imaging dopo la somministrazione di vaccini COVID-19 che può portare a un enigma diagnostico in pazienti con cancro manifesto o sospetto, nei quali può essere indistinguibile dal coinvolgimento linfonodale maligno......Secondo queste raccomandazioni, alcuni esami di imaging di routine, come quelli per lo screening, deve essere programmato 6 settimane dopo la dose vaccinale finale per consentire la risoluzione di qualsiasi adenopatia reattiva".
Lo studio prosegue con altre raccomandazioni importanti "le informazioni sulla vaccinazione - data/e di somministrazione, sito/i di iniezione, lateralità e tipo di vaccino - dovrebbero essere incluse in ogni questionario di pre-imaging per il paziente, e queste informazioni dovrebbero essere rese prontamente disponibili ai radiologi interpreti. Una comunicazione chiara ed efficace tra pazienti, radiologi, team di medici di riferimento e il pubblico in generale dovrebbe essere considerata della massima priorità nella gestione dell'adenopatia nel contesto della vaccinazione COVID-19".
Lo studio più recente, pubblicato su JAMA Oncology raccomanda "Il National Comprehensive Cancer Network and Society of Breast Imaging ha raccomandato di prendere in considerazione la pianificazione dello screening dell'imaging mammario da 4 a 6 settimane dopo la seconda dose di vaccinazione COVID-19".

 





LEAVE A COMMENT

Facebook Conversations

FOLLOW US