EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish
Powered by Google TraduttoreTraduttore
07/06/2021
Studio: clofoctol antibiotico inibisce la replicazione di SARS-CoV-2
Silvia Pedrazzini Silvia Pedrazzini

Un recentissimo studio mostra che un gruppo di ricercatori francesi ha esaminato diversi composti farmacologici esistenti per la loro potenziale attività antivirale contro SARS-CoV-2;  questi composti includevano perfenazina, nitazoxina e clofoctol ed il clofoctol è stato scelto per le sue proprietà anti-SARS-CoV-2.


In un recente studio pubblicato sul server di prestampa bioRxiv, un gruppo di ricercatori francesi ha abbreviato  le fasi di sviluppo preclinico normativo  per identificare farmaci già esistenti  che mostrano attività antivirale contro SARS-CoV-2  
Infatti il modo più veloce per implementare un trattamento contro una nuova malattia virale in rapida evoluzione,  consiste nello screening della potenziale attività antivirale dei farmaci approvati per l'uso umano.
Nel loro lavoro i ricercatori hanno sviluppato uno schermo ad alto contenuto (HCS) utilizzando una libreria di farmaci chiamata Apteeus (TEELibrary®), che includeva una raccolta completa di 1.942 farmaci approvati. Il metodo HCS è stato utilizzato per schermare e identificare molecole che mostrano attività antivirale contro SARS-CoV-2.
Dallo studio si evince che " Tra questi, il clofoctol, un farmaco antibatterico utilizzato per il trattamento delle infezioni batteriche del tratto respiratorio, è stato ulteriormente studiato per il suo favorevole profilo di sicurezza e le sue proprietà farmacocinetiche. In particolare, misurato contro SARS-CoV-2 nelle cellule polmonari umane. Meccanicisticamente, questo composto inibisce SARS-CoV-2 in una fase post-ingresso bloccando specificamente l'inizio della traduzione dell'RNA virale. Infine, il trattamento terapeutico dei topi transgenici del recettore ACE2 umano ha ridotto la carica virale, ha ridotto l'espressione genica dell'infiammazione e ha migliorato la patologia polmonare. Complessivamente, questi dati supportano fortemente il clofoctol come candidato terapeutico per il trattamento dei pazienti COVID-19". 
Il clofoctol(o clofoctolo)  è un antimicrobico attivo soprattutto contro i batteri Gram-positivi.
Il farmaco agisce alterando la membrana plasmatica dei batteri e inibendone la sintesi della parete cellulare.
Si ricorda che il Clofoctol è un farmaco antibatterico che è stato sviluppato per la prima volta negli anni '70 efficace nel trattamento dello Streptococcus pneumoniae e  dello Staphyloccus aureus .
Come già noto, lo Streptococcus pneumoniae  è stato da sempre  la principale causa globale di polmonite batterica in tutto il mondo.
In conclusione,  i risultati di questo studio hanno portato i ricercatori a raccomandare il clofoctol come un forte candidato per il trattamento della SARS-CoV-2. 


Attualmente è in programma uno studio di fase 2/3 con placebo per convalidare ulteriormente questo farmaco per il suo uso contro COVID-19.

 


  • VIA
  • Silvia Pedrazzini



LEAVE A COMMENT

Facebook Conversations

FOLLOW US