EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish
Powered by Google TraduttoreTraduttore
31/05/2021
Campi elettromagnetici, conseguenze inquietanti
Silvia Pedrazzini Silvia Pedrazzini

Il  Dipartimento di Neuroscienze, presso l'Istituto Karolinska in Svezia ed il  Dipartimento di bioingegneria dell'Università di Washington  hanno condotto studi sugli effetti dei campi elettromagnetici sul sistema immunitario, dai quali sono emerse conseguenze inquietanti : stress ossidativo, danni al DNA, cancro, infiammazione e altro ancora; i limiti di sicurezza pubblica esistenti sono inadeguati a proteggere la salute pubblica .


Viviamo in un'epoca  in cui  i campi elettromagnetici (EMF)  da cellulari e stazioni base per cellulari, dispositivi Wi-Fi, linee elettriche, cavi elettrici e persino computer, televisori e forni a microonde, ci circondano 24 ore su 24, 7 giorni su 7.
Olle Johansson, professore associato e capo dell'Unità di Dermatologia Sperimentale, Dipartimento di Neuroscienze, presso l'Istituto Karolinska in Svezia, dopo aver esaminato una serie di documenti sugli effetti dei campi elettromagnetici artificiali sul sistema immunitario, ha trovato conseguenze inquietanti e alla fine ha concluso non solo che i limiti di sicurezza pubblica esistenti sono inadeguati a proteggere la salute pubblica, ma anche che dovrebbero essere fissati limiti per la diffusione di ulteriori tecnologie non testate.
Johansson cita la ricerca che mostra che l'esposizione a campi elettromagnetici stimola l'aumento dei mastociti e altri cambiamenti fisiologici che indicano una risposta allergica e  condizioni infiammatorie .
Lo scienziato afferma inoltre che il rapido aumento dell'incidenza di allergie,  asma e altre sensibilità in tutto il mondo sia un segnale di avvertimento, poiché l'esposizione cronica ai campi elettromagnetici può portare a disfunzioni immunitarie, risposte allergiche croniche, risposte infiammatorie e problemi di salute generale come ad esempio primi segni di cancro ed effetti negativi sulla gravidanza.
Nel 2006 l' Organizzazione Mondiale della Sanità ha suggerito che dall'1% al 3,5% delle persone è ipersensibile alle radiazioni elettromagnetiche. Questa condizione è nota come elettroipersensibilità (EHS) e porta a una serie di sintomi fisici e cognitivi in caso di esposizione ai campi elettromagnetici : mal di  testa , vertigini,  affaticamento , difficoltà di concentrazione,  problemi cognitivi ,  interruzioni del sonno e sintomi della pelle come bruciore e prurito.
Sfortunatamente, il lancio attualmente  accelerato della tecnologia 5G , che richiede l'installazione di numerosi dispositivi di trasmissione di piccole cellule nei quartieri, sta per aumentare notevolmente l'esposizione a campi elettromagnetici e le relative conseguenze sulla salute.
Molteplici studi si concentrano sugli  effetti immunotossici dei campi elettromagnetici , inclusa la potenziale  riduzione della funzione immunitaria negli anziani  e l'influenza sui processi cellulari che svolgono un ruolo nello sviluppo del cancro e nella corretta crescita e sviluppo degli organismi.
Henry Lai del Dipartimento di bioingegneria dell'Università di Washington a Seattle ha evidenziato che " Gli organismi viventi possono rilevare e rispondere immediatamente ai bassi livelli ambientali di questi campi.  Pertanto, è importante agire subito per proteggere te stesso e la tua famiglia da esposizioni a campi elettromagnetici non necessarie il più possibile".





LEAVE A COMMENT

Facebook Conversations

FOLLOW US