EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish
Powered by Google TraduttoreTraduttore
-
16/08/2021
La futura rotta dei vaccini: nanodiamanti sintetici modificati con peptidi contro i coronavirus
Silvia Pedrazzini Silvia Pedrazzini

Una pubblicazione su MDPI  mostra che alcuni ricercatori hanno elaborato uno studio sui nanodiamanti, utilizzati come antigene del vaccino peptidico per la futura  produzione di vaccini contro più coronavirus .


Un recente studio pubblicato su MDPI,  mostra che ricercatori francesi ed ucraini hanno elaborato uno studio su un antigene del vaccino peptidico del coronavirus sotto forma di formulazioni a base di nanodiamante; tale formulazione vorrebbe diventare la nuova strategia per la produzione di vaccini contro più coronavirus.
La maggior parte dei vaccini umani si basa su virus inattivati ​​o proteine ​​virali. 
Come si evince dallo studio però "I primi sono tipicamente associati a una forte risposta immunitaria poiché presentano più antigeni che stimolano le risposte delle cellule B e T. Al contrario, i vaccini a base di proteine ​​sono meno immunogenici e, di conseguenza, potrebbe essere necessario un numero maggiore di dosi. In alternativa, vengono utilizzati adiuvanti per migliorare la risposta immunitaria".
Ciò spiega il motivo dei numerosi richiami per i vaccini di questo tipo.
Lo studio descrive anche su quali tipi di nanostrutture multivalenti viaggiano questi peptidi vaccinali  "L'uso di un peptide vaccinale comporta solitamente la coniugazione dell'epitopo antigenico a una proteina trasportatrice più immunogenica, o il montaggio degli epitopi su una nanostruttura multivalente. Tra questi ultimi, sono di grande interesse nuovi materiali a base di carbonio, tra cui fullerene, grafene, nanotubi di carbonio, punti quantici di carbonio e nanodiamanti".
Lo studio poi si sofferma sull'analisi dei nanodiamanti "In particolare, i nanodiamanti (ND) sono attraenti poiché sono i meno tossici di queste nanostrutture; sono stati fatti molti tentativi per usarli nello sviluppo di vaccini, con la dimensione delle nanoparticelle di diamante (NP) come una considerazione importante".
Un precedente studio ha mostrato che "Le NP dovrebbero essere inferiori a 40 nm per essere intrappolate all'interno di trappole neutrofili-extracellulari (NET), reti di DNA neutrofili estruse per neutralizzare l'agente patogeno. La NETosi, a sua volta, induce l'infiammazione nel sito di vaccinazione".
In conclusione "I peptidi coniugati con ND possono essere utilizzati per produrre vaccini di emergenza contro molti virus o batteri emergenti, poiché il peptide può essere facilmente adattato in base al genoma del patogeno di interesse. Sebbene non neutralizzino la replicazione virale, e quindi non possano fornire un'immunità sterilizzante dove il virus non può essere trasmesso dal paziente infetto, forniscono titoli anticorpali elevati e prolungati, che possono essere protettivi contro malattie gravi".
Ciò dimostra, contrariamente a quanto affermato da molti, che vi sono numerosissimi studi sull'applicazione di materiali a base di carbonio come ad esempio fullerene, grafene, nanotubi di carbonio, punti quantici di carbonio e nanodiamanti per lo sviluppo di vaccini; tali materiali vengono impiegati per il  montaggio degli epitopi che sono  piccole parti di antigene che legano  gli anticorpi specifici su una nanostruttura multivalente.

 





LEAVE A COMMENT

Facebook Conversations

FOLLOW US